sabato 10 marzo 2012

Ai bambini della mia scuola, ai loro genitori e ai loro insegnanti

C’è chi insegna
guidando gli altri come cavalli
passo per passo:
forse c’è chi si sente soddisfatto
così guidato.


C’è chi insegna lodando
quanto trova di buono e divertendo:
c’è pure chi si sente soddisfatto
essendo incoraggiato.


C’è pure chi educa, senza nascondere
l’assurdo ch’è nel mondo, aperto ad ogni
sviluppo ma cercando
d’essere franco all’altro come a sé,
sognando gli altri come ora non sono:



ciascuno cresce solo se sognato.

Danilo Dolci

1 commento:

  1. Il guaio è che si cresce e nessuno può scegliere come crescere!

    RispondiElimina

Archivio blog